A Pulixi, Tornaghi, Occhi, Simoni e Pellegrinetti il Garfagnana in Giallo 2016

A Pulixi, Tornaghi, Occhi, Simoni e Pellegrinetti il Garfagnana in Giallo 2016

 

Sono stati consegnati nello splendido scenario della Fortezza Montalfonso a Castelnuovo i premi del Garfagnana in Giallo 2016.

Il premio e festival letterario ideato da Andrea Giannasi nel 2009 e diretto con Fabio Mundadori, giunto alla sua ottava edizione, ha registrato il record di partecipanti e l’incipit per tante nuove storie con autori ospiti come Massimo Carlotto, Matteo Strukul, Claudio Chiaverotti..

A vincere il primo premio selezione  giuria è stato Piergiorgio Pulixi con “Prima di dirti addio” (e/o) che ha ricevuto la targa di Milton dedicata a Truman Capote dalle mani di Carlotto. Della cinquina in finale, oltre a Pulixi, facevano parte Pietro Caliceti, Pierluigi Porazzi, Roberto Carboni, Roberto Centazzo e Gian Luca Campagna.

Nella sezione libri editi ha vinto Eugenio Tornaghi con “La pesca dello spada”  (Novecento). In finale erano arrivati anche Riccardo Landini, Gino Marchitelli, Serena Venditto, Fabio Girelli, Ida Ferrari e Diego Collaveri.

Primo premio per gli ebook a “La sacra scheggia” di Giorgio Simoni (Delos Digital) che ha superato Piera Carlomagno e Alessandro Bastasi. A consegnare il premio (una copia di “A sangue freddo” di Capote) la libraia Gina Truglio di Ubik Lucca.

Nella sezione racconti inediti il primo premio per l’ambientazione libera a Luca Occhi con “Inganni del cuore” e per l’ambientazione in Garfagnana a Francesco Pellegrinetti con “Oculus Dei”. I racconti sono pubblicati nell’antologia del Garfagnana in giallo 2016 edita da Tra le righe.

“Tante le novità per l’edizione 2017 – dichiarano Andrea Giannasi e Fabio Mundadori –. Il premio sarà dedicato a Sir Alfred Joseph Hitchcock che succede a Georges Simenon (2015) e Truman Capote (2016).

In programma tra le tante iniziative tra Lucca, Barga e Castelnuovo (ma altre location sono in ingresso) ancora tanti incontri nelle scuole con contaminazione del giallo e del noir dal mondo del fumetto e dal cinema. E’ stata molto apprezzata infatti la presenza in questa edizione del creatore di Morgan Lost, Claudio Chiaverotti.

Superconfermata la grande cena con il delitto di Massimo Lerose.

Intanto – proseguono i curatori del festival – dopo l’amicizia e la collaborazione con Giallo Pistoia (grazie a Giuseppe Previti) si apre anche una finestra con Giallo Garda e riprenderà con gennaio il Garfagnana in Giallo On The Road: prima tappa a Lecce il 7 gennaio.

Prima della nota sul bando 2017 con le importanti novità i ringraziamenti a Ilaria Giovannetti consigliera regionale, Mario Puppa assessore provinciale, Giovanna Stefani assessore alla cultura del comune di Barga, e per il comune di Castelnuovo il sindaco Andrea Tagliasacchi e Alessandro Pedreschi.

Grazie per il catering a Carlo Andreucci, alla fotografa Antonella Bertolini per il reportage e per l’organizzazione al team formato da Gianmarco Giannasi e Stefano Lattari. Un particolare saluto a Chiara Poli che regge la segreteria. Un saluto agli chef Ruggero e Gianni Dini e Mauro Bertolini per averci accompagnato nel mondo del gusto.

Infine – concludono Giannasi e Mundadori – il bando 2017, che sarà reso noto lunedì 5 dicembre, avrà una importante novità: si apre infatti la sezione romanzi inediti che vedrà la pubblicazione del vincitore (e la presentazione del libro) a novembre 2017. Il libro sarà edito da Damster nella collana #comma21”.

Appuntamento al 2017 con il Garfagnana in Giallo che si terrà da giovedì 23 fino a domenica 26 novembre.

 

Presentato il programma del Garfagnana in Giallo 2016

conferenza-stampa-garfagnana-giallo

Mercoledì 16 novembre a Palazzo Ducale a Lucca alla presenza dell’assessore provinciale Mario Puppa, di Andrea Giannasi e Gina Truglio della Libreria Ubik è stato presentato il programma del Garfagnana in Giallo 2016. L’evento si aprirà giovedì 24 novembre a Lucca per poi chiudersi sul Ponte del Diavolo a Borgo a Mozzano domenica 27 novembre. Tanti gli eventi in calendario tra Lucca, Firenze, Barga e Castelnuovo.

Dal 24 al 27 novembre 2016 si svolgerà l’ottava edizione del Garfagnana in giallo, il festival e premio letterario dedicato al mondo del giallo, del noir e del poliziesco che si svolge tra Lucca, Barga e Castelnuovo di Garfagnana. Tra gli ospiti di questa edizione Massimo Carlotto, Franco Forte, Matteo Strukul, Stefano Chiaverotti, e molti altre scrittrici e scrittori.

L’evento ideato da Andrea Giannasi e curato con Fabio Mundadori e Giuseppe Previti, è patrocinato gratuitamente dalla Provincia di Lucca, dall’Unione dei comuni della Garfagnana, dal Comune di Barga, dal Comune di Castelnuovo di Garfagnana, con la collaborazione di Tra le righe libri, Garfagnana editrice e libreria Ubik di Lucca. L’evento è promosso da Prospektiva e dal Giornale della Garfagnana e inserito nel programma delle Città del Libro del Centro per il libro e la lettura e il Mibact.

In collaborazione con Giallo Pistoia.

Il Garfagnana in Giallo negli anni precedenti ha avuto tra gli ospiti Marco Vichi, Marcello Simoni, Loriano Macchiavelli, Giampaolo Simi, Mario Spezi, Matteo Bortolotti, Alberto Lori, Vincent Kliesch, Antonio Fusco, Paolo Roversi.

Il programma prevede:

Giovedì 24 novembre

Alle ore 10 presso l’Istituto scolastico superiore “Pertini” di Lucca incontro con l’autrice Rossana Giorgio Consorti autrice del giallo “Il testamento” (Garfagnana editrice). Coordina l’evento la prof.ssa Gemma Giannini.

Alle ore 17 presso l’Antico Caffè delle Mura (Porta San Pietro) per LUCCA NOIR si terrà l’evento La paura sotto la pelle. Numero 0BIS”. Come si trasforma un fumetto noir, un fatto di cronaca nera o un romanzo giallo in un film di genere? Esiste una “grammatica delle emozioni nere”? Con il numero 0bis de “La paura sotto la pelle” lo spiegano in una mini sessione poco teorica e molto pratica Roberto Carboni, Diego Collaveri, Enrico Luceri e Luca Martinelli con la regia di Giusy Giulianini e Fabio Mundadori.
Coordina Debora Pioli.

Durante l’evento sarà possibile consumare un aperitivo ricevendo in cambio due libri a scelta (euro 10,00).

Venerdì 25 novembre

Alle ore 10 presso la Sala “Carlo Gabrielli Rosi” Museo della Liberazione di Lucca (via S. Andrea 43) LUCCA NOIR. Alla presenza di due classi delle scuole superiori saranno proiettati alcuni corti con ambientazione e sceneggiatura noir e poliziesca.
Continua “La paura sotto la pelle” Intervengono Giusy Giulianini, Roberto Carboni, Luca Martinelli e Fabio Mundadori.
Coordina Simonetta Simonetti.

Alle ore 19 per Garfagnana On the Road a Firenze ospiti di Mauro Falciani e della sua libreria Mucho Mojo in Via Giampaolo Orsini 21 (rosso) presentazione del thriller storico “I Medici. Una dinastia al potere” (Newton Compton) di Matteo Strukul.
Coordina Fabio Mundadori.

Alle ore 17,30 a Lucca per LUCCA NOIR presso la Libreria Ubik incontro con Diego Collaveri (Il segreto del Voltone – Frilli editore), Andrea Gamannossi (Nelle fauci del Mostro – Felici ed. antologia-AA.VV), Luca Martinelli (Charleston, Champagne e Omicidi – Edizioni Atelier) e “La musicista. Pentagramma mortale” di Andrea Bloch (Damster -#comma21).
Coordina Giuseppe Previti.

Sabato 26 novembre

Alle ore 10 presso l’Istituto superiore scolastico di Barga si terrà un workshop di scrittura con gli autori Manuela Costantini, Roberto Carboni, Luca Martinelli, Piera Carlomagno, Fabio Mundadori, Claudio Chiaverotti e Franco Forte. Coordina Silvia Redini.

Alle ore 12 alla Biblioteca degli Incartati a Fornaci di Barga verranno donati i libri partecipanti all’edizione 2016 del Garfagnana in Giallo. Alla cerimonia sarà presente scrittori e il direttore di Gialli Mondadori Franco Forte.

Dalle ore 15,30 presso la Fortezza Mont’Alfonso a Castelnuovo di Garfagnana si svolgeranno le presentazioni dei libri in concorso, dell’antologia con i racconti inediti, la cena con il delitto e la premiazione. Coordina gli eventi Andrea Giannasi.

Il programma prevede nella sala superiore della casa con gli Archi:

Ore 15,30 presentazione dell’Antologia Criminale 2016 con i racconti inediti edita da questa edizione da Tra le righe libri.

Ore 16,00 presentazione di “Cesare l’immortale. Oltre i confini del mondo” di Franco Forte (Mondadori).

Ore 16,30 incontro con la cinquina + due dei finalisti del Premio Garfagnana in Giallo 2016, sezione libri editi e finalisti ebook.

Ore 17,00 presentazione con Claudio Chiaverotti della serie a fumetti “Morgan Lost” edita da Bonelli.

Ore 17,30 merenda lucchese con vino e buccellato.

Ore 18 presentazione del thriller storico “I Medici. Una dinastia al potere” di Matteo Strukul (Newton Compton).

Ore 18,30 presentazione della cinquina + uno dei finalisti del Garfagnana in Giallo, premio speciale della giuria libri editi.

Ore 19,00 presentazione dell’ultimo libro di Massimo Carlotto “Il turista” (Rizzoli). Intervistano l’autore Andrea Giannasi, Gina Truglio (libreria Ubik di Lucca) e Fabio Mundadori.

Ore 20,30 nella sala inferiore della sala con gli Archi cena con il delitto a cura di Massimo Lerose. L’indagine di questa edizione sarà: “Omicidio romanesco”. Chi ha ucciso Virginia Faggi del movimento ambientalista 5 Stalle? C’entra qualcosa l’oliompiade, la grande sagra dell’Olio Internazionale?

Al termine della cena con la scoperta dell’assassino si terrà la cerimonia di premiazione dei vincitori del Garfagnana in Giallo 2016.
Al momento dei saluti si terrà la presentazione del bando 2017 con una importante novità proposta da Massimo Casarini di Damster edizioni per la collana #comma21.

Domenica 27 novembre

Alle ore 10 presso la Biblioteca comunale di Barga “F.lli Rosselli” workshop di scrittura gialla con Manuela Costantini.

Ore 13 tradizionale pranzo di chiusura dell’edizione 2016 presso il ristorante “Il baretto” di Castelnuovo di Garfagnana con gli chef Ruggero e Gianni Dini.
Prenotazione obbligatoria.

Ore 15,30 il Garfagnana in Giallo si chiude come ogni anno con il “passaggio” del Ponte del Diavolo a Borgo a Mozzano. In quel momento verrà scelta e diffusa la data dell’edizione 2017 e il bando del premio della nona edizione.

Garfagnana in Giallo 2016: i finalisti della sezione editi

logo-2016-garfagnana-giallo

Garfagnana in Giallo 2016: i finalisti della sezione editi

Ecco i nomi dei finalisti per i libri editi (Sezione A) ed eBook del Garfagnana in giallo 2016. Per la sezione concorso editi (Sezione A) sono in finale:

La pesca dello spada – Eugenio Tornaghi – Novecento Editore
Primo Inganno – Riccardo Landini – edizioni CentoAutori
Milano non ha memoria – Gino Marchitelli – Fratelli Frilli Editori
C’è una casa nel bosco – Serena Venditto – Homo Scrivens
L’autore – Fabio Girelli – golem Edizioni
Torte Gemelle – Ida Ferrari – delmiglio editore
L’odore salmastro dei Fossi – Diego Collaveri – Fratelli Frilli Editori

Per la sezione eBook:

L’invito – Piera Carlomagno – Aliberti
La sacra scheggia – Giorgio Simoni – Delos Digital
Era la Milano da Bere – Alessandro Bastasi – Fratelli Frilli Editori.

A tutti i partecipanti vanno complimenti della giuria, che ha dovuto fare davvero gli straordinari: il livello dei romanzi arrivati quest’anno era altissimo. Appuntamento sabato 26 novembre in fortezza Mont’Alfonso a Castelnuovo di Garfagnana.

Caliceti, Pulixi, Campagna, Porazzi, Carboni e Centazzo in finale al Garfagnana in Giallo 2016 “Selezione giuria”

Caliceti, Pulixi, Campagna, Porazzi, Carboni e Centazzo in finale al Garfagnana in Giallo 2016 “Selezione giuria”

Chi succederà a Paolo Roversi (edito da Marsilio vincitore nel 2015) e Antonio Fusco (uscito con la sua trilogia con Giunti, che si aggiudicò il premio nel 2014) al Garfagnana in Giallo “Selezione Giuria” 2016?
Si contenderanno il primo premio Pietro Caliceti, Piergiorgio Pulixi, Gian Luca Campagna, Pierluigi Porazzi, Roberto Carboni e Roberto Centazzo.

Una menzione speciale è già stata attribuita al libro “Terremoto a Borgo Propizio” di Loredana Limone (Salani).

Sabato 26 novembre nella Casa con gli Archi della Fortezza Mont’Alfonso a Castelnuovo di Garfagnana, al termine della cena con il delitto, si conoscerà il nome del vincitore uscito dal lavoro della giuria diretta da Fabio Mundadori.

I libri che hanno portato in finale gli autori sono: “L’ultimo Cliente” di Pietro Caliceti – Baldini & Castoldi; “Prima di dirti addio” di Piergiorgio Pulixi – e/o; “Finis Terrae” di Gian Luca Campagna – Oltre edizioni; “Azrael” di Pierluigi Porazzi – Marsilio; “Agenzia Bonetti (e Bruno) Investigazioni Bologna” di Roberto Carboni – Frilli; “Squadra speciale minestrina in brodo” di Roberto Centazzo – TEA.

I finalisti dei racconti inediti del Garfagnana in giallo 2016 (antologia criminale)

garfagnana-giallo-copertina-2016

Sono ventotto i racconti finalisti pubblicati nell’antologia criminale del Garfagnana in giallo 2016. Tredici scrittrici e quindici autori che si sfideranno fino all’ultimo colpo di pennino; e solamente al termine della cena con il delitto sabato 26 novembre – che si terrà presso la fortezza Mont’Alfonso a Castelnuovo – si conosceranno i vincitori dell’ottava edizione del premio letterario.
Tra i racconti molte le curiosità. Gli assassini sono sempre in maggioranza maschi (13) ma le donne stanno aumentando (11), segno di una inversione di tendenza letteraria che rimuove tanti luoghi comuni. Stessa variabile ormai invertita anche nel campo delle vittime che non sono più in prevalenza donne: in questa edizioni si contano infatti 17 maschi e 12 femmine uccise.

La scelta stilistica corre in molti ambiti e si va dal giallo classico, fino al noir, passando attraverso l’omicidio non intenzionale. Forte il senso di giustizia che però non è solamente quella sommaria, ma entra nel campo della morale e del giudizio codificato.
Le ambientazioni sono diverse e come nell’edizione 2015 si è voluto intenzionalmente mescolare i racconti che si svolgono in Garfagnana da quelli che hanno sfondi differenti.
Gli autori provengono da tutta Italia: Bologna, Milano, Varese, Roma, Napoli, Livorno, Avellino, Reggio Emilia, Torino, Lucca, Mantova, Siena, et cetera, et cetera.

In finale per la sezione racconti inediti sono giunti: Tu mi salverai di Lucio Aimasso; L’abbiamo trovata di Sergio Cova; Le pistole non sparano sempre di Valeria De Cubellis; La vasca di Lidia Del Gaudio; Inganni del cuore di Luca Occhi; Quando la sabbia è cemento di Gianluca Di Matola; Ponti sospesi di Alessandra Burzacchini; Chissà com’era quel caffè di Sara Magnoli; Mezza caccia di fuoco di Claudio Sergio Costa; L’amore, probabilmente di Maria Rosa Aldrovandi; Prima della galleria di Pietropaolo Pighini; Un delitto da Oscar di Antonio Di Carlo; Dieci lire di mentine di Daniela Casati; Lama di cacao di Roberto Van Heugten; Oculus Dei di Francesco Pellegrinetti; Io resto qui di Giuliana Ricci; Dov’è mamma? di Bruna Baldini; Millenovecentosettanta di Paolo Puliti; Blu, giallo e rosso di Gabriella Grieco; Una sola traccia di veleno di Renzo Lambertini; L’Ombra di Luca Zambelli; Emma di Patrizia Bartoli; Lo sguardo del pesce di Emiliano Bezzon; Compagni di vita di Maria Pia Pieri; Sono stato io di Iacopo Riani; Viaggio di sola andata di Marco Bonini; Fatti in casa di Floriana Balducci; Ombramore di Stefania De Caro.

I racconti sono pubblicati nell’antologia criminale 2016 edita da Tra le righe libri editore.
In copertina fotografia di Paolo Becarelli per la pagina Facebook “L’altra Toscana: Garfagnana”.

Strukul e i “Medici” di Firenze tra gli ospiti del Garfagnana in Giallo 2016

strukul-garfagnana-giallo-2016

Anche Matteo Strukul autore del thriller storico “I Medici. Una dinastia al potere” (Newton Compton) sarà tra gli ospiti del Garfagnana in Giallo 2016.
La storia della famiglia fiorentina soggetto anche per la nota fiction in onda su Rai Uno sarà al centro dell’incontro con l’autore sabato 26 novembre alle ore 18 in fortezza Mont’Alfonso a Castelnuovo di Garfagnana.
Ma scendiamo nei dettagli della storia.

Firenze, 1429. Alla morte del patriarca Giovanni de’ Medici, i figli Cosimo e Lorenzo si trovano a capo di un autentico impero finanziario, ma, al tempo stesso, accerchiati da nemici giurati come Rinaldo degli Albizzi e Palla Strozzi, esponenti delle più potenti famiglie fiorentine. In modo intelligente e spregiudicato i due fratelli conquistano il potere politico, bilanciando uno spietato senso degli affari con l’amore per l’arte e la cultura. Mentre i lavori per la realizzazione della cupola di Santa Maria del Fiore procedono sotto la direzione di Filippo Brunelleschi, gli avversari di sempre continuano a tessere le loro trame. Fra loro c’è anche una donna d’infinita bellezza, ma dal fascino maledetto, capace di ghermire il cuore di un uomo. Nell’arco di quattro anni, dopo essere sfuggito a una serie di cospirazioni, alla peste e alla guerra contro Lucca, Cosimo finirà in prigione, rischiando la condanna a morte. Fra omicidi, tradimenti e giochi di palazzo, questo romanzo narra la saga della famiglia più potente del Rinascimento, l’inizio della sua ascesa alla Signoria fiorentina, in una ridda di intrighi e colpi di scena che vedono come protagonisti capitani di ventura senza scrupoli, fatali avvelenatrici, mercenari svizzeri sanguinari…

www.garfagnanaingiallo.it

 

Massimo Carlotto ospite al Garfagnana in Giallo 2016

massimo-carlotto-garfagnana-in-giallo

E’ Massimo Carlotto uno degli ospiti del Garfagnana in Giallo 2016, il festival e premio letterario giunto alla sua ottava edizione. Sabato 26 novembre nella fortezza Mont’Alfonso di Castelnuovo di Garfagnana sarà intervistato da Andrea Giannasi, Gina Truglio (titolare della libreria Ubik Lucca) e Fabio Mundadori.

Carlotto è uno scrittore, drammaturgo, giornalista, saggista, fumettista e sceneggiatore italiano. Tra gli anni settanta e gli anni novanta fu inoltre protagonista di un noto e controverso caso giudiziario di cronaca nera.
E’ stato definito come uno dei migliori scrittori di noir e hard boiled a livello internazionale.
Inizia l’attività letteraria nel 1994, scrivendo particolarmente romanzi di genere noir. Il primo successo arriva con “Il fuggiasco” (1995), autobiografia romanzata sul suo periodo di latitanza, che rappresenta la sua prima pubblicazione.
Il suo personaggio più noto è l’Alligatore, alias Marco Buratti, un originale detective privato.
Nel 1998 pubblica “Le irregolari”, romanzo autobiografico e d’inchiesta in cui viene raccontata la guerra civile e la repressione argentina degli anni settanta, durante la cosiddetta guerra sporca; conosce e intervista la fondatrice delle Nonne di Plaza de Mayo, Estela Carlotto, che scoprirà essere sua parente e che cerca notizie della figlia (assassinata nel 1978) e del nipote neonato, desaparecidos.

I suoi libri sono da allora tradotti in Francia, Gran Bretagna, Germania, Spagna, Grecia, Paesi Bassi, Repubblica Ceca, Romania e Stati Uniti.
Nel 2001 esce il noir “Arrivederci amore ciao” (da cui viene tratto l’omonimo film di Michele Soavi del 2005). Nel 2001 scrive il racconto per ragazzi “Jimmy della collina”, sulle carceri minorili. L’anno dopo “Il giorno in cui Gabriel scoprì di chiamarsi Miguel Angel”, di nuovo sui figli dei desaparecidos.
Nel 2004 pubblica “L’oscura immensità della morte”, un noir particolarmente cupo e nichilista incentrato sul tema della vendetta e del possibile perdono, da cui verrà tratto uno spettacolo teatrale, “Oscura immensità”.
Nel novembre 2007 tutte le avventure dell’Alligatore, cinque romanzi e due racconti (Storia di Gabriella, vedova di mala e Il confronto), già editi, sono raccolti in un unico volume dall’omonimo titolo, uscito per le edizioni e/o, nella collana I super e/o.
Nel settembre 2009, a sette anni dal precedente, esce il nuovo episodio della saga dell’Alligatore, dal titolo “L’amore del bandito”.
Nel 2013, con Marco Videtta, scrive un nuovo ciclo di quattro romanzi, intitolato “Le Vendicatrici”.
Dal 2012 cura la collana editoriale Sabot/Age, una raccolta di nuovi scrittori noir che mira a raccontare la contemporaneità.